Guida alla giusta collocazione del tavolo da pranzo

Il tavolo è il punto focale della zona living e per questo motivo deve essere il protagonista della stanza. Prima di scegliere il tavolo è importante valutare la dimensione della stanza. Un tavolo troppo grande in uno spazio ristretto può ostacolare il passaggio, mentre un tavolo piccolo in un ambiente spazioso può risultare anonimo.

Posizione e collocazione del tavolo da pranzo.

Misurare lo spazio del tuo living aiuta anche a capire quale è la collocazione ideale del tuo tavolo, se al centro, addossato ad una parete o vicino al divano.

Quando organizzi lo spazio considera quindi che dovrai posizionare le sedute e disporre ogni altro mobile attorno al tavolo.

Per evitare di appesantire l’ambiente, cerca di alternare oggetti ingombranti (armadi, divani, tavolo) a oggetti meno ingombranti, come tappeti ed oggetti d’arredo.

La posizione ideale del tavolo da pranzo è in prossimità di una finestra, oppure di una porta finestra vetrata, in una posizione luminosa e arieggiata.

Non posizionare il tavolo troppo vicino alle pareti: è bene mantenere almeno 80 cm di spazio, in modo che si crei un’agevole zona di passaggio. Senza dimenticare che ci sono anche le sedie!

Hai problemi di spazio? La soluzione migliore in questo caso è quella di scegliere per il soggiorno un tavolo trasformabile, che permette di avere maggior spazio libero da ingombri, senza rinunciare ad invitare ospiti a cena.

I tavoli trasformabili chiusi sono un complemento d’arredo da inserire al centro della stanza, davanti al divano, in modo tale da poterli usare come punto d’appoggio.

Qual è la funzione dei tavoli nella zona living?

In passato le grandi sale da pranzo erano le stanze dedicate ai pranzi in famiglia.

Oggi la zona pranzo in cui poter condividere momenti con amici e parenti è sempre più una porzione della zona living. Per questo motivo nel living il tavolo non ha più solo la funzione di posto in cui consumare pranzi e cene, ma diventa un complemento d’arredo multifunzione, su cui fare i compiti, utilizzare il PC, lavorare, organizzare tutto ciò che riguarda la casa.

È fondamentale quindi valutare la funzione principale del tuo tavolo in zona living, tenendo conto che non sarà l’unica.

Definendo come prima cosa la funzione, ti sarà chiaro se dovrai orientarti verso un tavolo allungabile o un elevabile, se propendere per una forma rettangolare o tonda e così via.

Il rapporto tra le dimensioni del tavolo e lo spazio a disposizione.

Le dimensioni del tavolo dipendono dallo spazio a disposizione. Qualsiasi siano le dimensioni e la forma, il tavolo deve risultare pratico, comodo e funzionale. Ci sono però misure minime e standard da considerare.

L’altezza standard dal pavimento al piano del tavolo deve essere compresa tra i 74 e i 77,5 centimetri, così tutti i commensali possono stare comodi con le gambe.

Per poter poggiare facilmente bicchieri, piatti e posate, la larghezza minima della superficie è di 70 centimetri, ma per essere davvero comodi è meglio scegliere un tavolo largo tra gli 80 e i 90 centimetri. Ci sono anche tavoli larghi 100 centimetri.

Per quanto riguarda la lunghezza, la distanza tra le gambe deve essere di almeno 62 centimetri; ogni commensale deve avere a disposizione almeno 60 centimetri per poter mangiare ed interagire comodamente con gli altri.

La funzione principale del tavolo influisce anche sulla scelta delle dimensioni: se utilizzerai il tavolo nella zona living solo per lavorare o per i tuoi momenti quotidiani, non devi pensare agli spazi tra un commensale e l’altro. Se inviti spesso amici e parenti a cena, devi far sì che tutti siano a loro agio.

Le varie forme del tavolo da pranzo.

La forma più comune per i tavoli della zona living è quella rettangolare. Quest’ultima si presta meglio di altre ad inserirsi in spazi abitativi permettendo di accogliere a tavola più persone.

Si adatta ad ambienti grandi e piccoli e a diversi stili di arredo.

Il tavolo rotondo, invece, crea un’atmosfera di socialità. Non essendoci angoli, tutti i commensali hanno un rapporto alla pari. Possiede una forma tondeggiante e non ha spigoli, perciò risulta meno ingombrante consentendo un accesso fluido da diverse posizioni.

Le varie tipologie del tavolo da pranzo.

Esistono diverse tipologie di tavolo da pranzo, ognuna con le sue specificità. Le principali sono:

  • tavolo fisso, una delle soluzioni più classiche per il living. Questa tipologia non può variare in dimensioni come un tavolo allungabile o un tavolo trasformabile: ciò significa che devi scegliere con attenzione le dimensioni in base allo spazio ed alla disposizione degli altri mobili. Esistono diversi modelli di tavoli fissi, realizzati in diversi materiali, forme e dimensioni. Tra le misure di tavoli fissi più comuni ci sono 100cm x 200cm, 100cm x 240cm, 120 cm x 240 cm.
  • Tavolo allungabile, tipologia che accoglie tutti i tuoi amici e parenti per pranzo, diventando una lunga tavolata ospitale. Questa tipologia, infatti, coniuga la necessità di muoversi in ambienti spaziosi con quella di allestire una tavola comoda durante un pranzo o una cena. Con pochi facili gesti puoi ampliare o diminuire le dimensioni del tavolo in base alle tue esigenze e ai diversi momenti della giornata.
  • Tavolo trasformabile. Progettati per alzarsi, allargarsi e contenere vani, i tavoli trasformabili sono il classico comodo tavolino da divano che, in pochi gesti, diventa un tavolo da pranzo ed un piano da appoggio per studiare, lavorare, consumare uno spuntino, rivedere le pratiche di casa, giocare in compagnia. La progettazione attenta e curata nei minimi dettagli garantisce comodità ed eleganza.
  • Tavolo elevabile, arredo salvaspazio per case piccole e per chi desidera muoversi agevolmente nel living. Chiusi, sono un classico tavolino da salotto. I meccanismi di sollevamento fanno apparire un piano elevabile. Così potrai avvicinare il tavolo al divano o alle sedie e mangiare, lavorare, studiare o svolgere qualsiasi altra attività comodamente seduto. Molti modelli hanno un vano contenitore sotto il piano elevabile, nel quale puoi inserire tutti gli oggetti che usi in salotto, come telecomando, libri, documenti.

Il materiale del tavolo da pranzo

I tavoli nella zona living possono essere realizzati in diversi materiali.

La scelta dei materiali va fatta con attenzione perché anche l’estetica è importante!

I tavoli in stile più contemporaneo ed economico sono in plastica e polipropilene, un materiale adatto anche per gli arredi per l’esterno.

Bambù e rattan sono materiali prediletti da chi desidera un riavvicinamento alla natura con gli stili jungle style e boho.

I tavoli in cristallo donano eleganza e raffinatezza e sono adatti a tutti gli stili di arredo.

Il legno è uno dei materiali più amati per i tavoli nella zona living: trasmette tradizione ma allo stesso tempo si inserisce bene nella modernità. Il legno è solido, caldo, pratico e bello ed è perfetto per tavoli dall’aspetto minimal ed essenziali, dallo stile vintage o dal design particolare.

 

 

Hai trovato utile l'articolo? Condividilo con gli amici!

Ti piacciono i nostri articoli? Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità e promozioni

Iscriviti alla newsletter

*
*
*
*