Consigli utili per arredare una cucina piccola

Avere una cucina piccola non vuol dire sacrificare la bellezza alla praticità. Il tuo sogno è quello di avere una cucina spaziosa ma hai soltanto un piccolo spazio? Puoi arredare una cucina piccola rendendola una vera e propria bomboniera.

10 consigli per arredare al meglio una cucina piccola

  1. Occhio alla scelta di tavoli e sedie

Se la cucina è davvero piccola scegli un tavolo a scomparsa che si apre solo quando serve, oppure un tavolo da bar alto e stretto con i relativi sgabelli. Anche i tavoli consolle sono una valida soluzione perché si allungano trasformandosi in spaziosi tavoli da pranzo.

Per i posti a sedere ti consiglio di optare per le sedie pieghevoli, che si aprono al momento opportuno e sono di poco ingombro.

Gli sgabelli sono un’ottima alternativa, visto che quando non servono possono essere infilati sotto il tavolo.

  1. Adotta un layout open space con l’arredamento di una parete singola

In un’epoca in cui vanno di moda le cucine con ampie isole, sembra quasi un inconcepibile limitare l’arredo della cucina ad una sola parete.

Con una cucina correttamente disposta ed organizzata, puoi guadagnare tantissimo spazio creando un layout open space che può essere utilizzato per un tavolo da pranzo più grande.

L’ideale è arredare la parete con un mobile cucina che va dal pavimento al soffitto, senza soluzione di continuità ed incorporando tutti gli elettrodomestici.

  1. Panche al posto delle sedie

Desideri una cucina abitabile ma hai uno spazio molto limitato? Risparmia qualche centimetro utilizzando una panca. Mentre le sedie richiedono uno spazio sufficiente per consentire alle persone di alzarsi e sedersi agevolmente, la panca non richiede alcuno spazio. Ne esistono anche ad angolo e con schienale a muro. In questo modo si può aumentare il numero di persone che possono sedersi attorno ad un tavolo.

  1. Pensili e mensole che incorniciano il tavolo da pranzo

Normalmente si pensa che posizionare il tavolo nei pressi del muro faccia perdere spazio prezioso che potrebbe essere usato per una credenza o un mobile da cucina. Non è così: è sufficiente “incorniciare” l’angolo composto da tavolo e panche, con pensili e mensole a giorno da sfruttare per riporre oggetti. come porcellane raffinate o stoviglie decorate. In questo modo non si perde quello spazio necessario per riporre gli oggetti e si arreda la cucina dandole un tocco più allegro.

Una bella soluzione sono le griglie portautensili da sfruttare per appendervi gli attrezzi da cucina.

  1. Massimizza lo spazio per mangiare

In una cucina piccola può essere difficile trovare lo spazio sufficiente per organizzare una cena per 12 ospiti, ma ciò non significa che non si possa fare. La soluzione giusta? Sii creativo con i posti a sedere, adottando una piccola isola con alcuni sgabelli nascosti ed un piccolo tavolo da bistrot che può facilmente allungarsi adattandosi al numero di ospiti quando è necessario.

L’isola serve da piano di appoggio ed è perfetta come vano contenitore per le pentole e gli attrezzi da cucina. Anche un tavolo a ribalta è una soluzione eccellente.

Inoltre valuta la possibilità di organizzare le cene a buffet, dove tutti possono servirsi da soli e sedersi in modo informale dove c’è spazio disponibile.

  1. Sfrutta lo spazio verticale arredando fino al soffitto

Riporre pentole, stoviglie e tutti gli oggetti necessari è davvero un problema in una cucina piccola. C’è dello spazio di cui spesso ci si dimentica ovvero la parte superiore dei mobili della cucina. Utilizza quindi lo spazio verticale a tuo vantaggio, non lasciare spazi vuoti sulle pareti ed arreda usando mobili contenitori alti fino al soffitto. Se poi hai molti oggetti belli da vedere e sei una persona ordinata, sfrutta gli armadietti in vetro che fanno sembrare la cucina più grande.

  1. Rendi funzionale lo spazio

Quando lo spazio è prezioso, può risultare difficile rendere funzionale una piccola cucina. Puoi utilizzare un’isola su ruote che puoi spostare in base alle tue esigenze. Può metterla da parte in un angolo usandola come appoggio per le stoviglie oppure per riporre barattoli, oppure per essere apparecchiata come tavolo e servire il buffet quando hai degli ospiti.

Anche dei carrellini con le rotelle sono estremamente funzionali per riporre quotidianamente vini e liquori, che puoi tirar fuori quando hai ospiti.

  1. Scegli gli elettrodomestici “mini”

Anche nella cucina più piccola almeno un lavello, un frigorifero ed un piano cottura devono esserci. Per questo motivo fai molta attenzione alla loro scelta.

Il lavello può divenire uno spazio multifunzionale grazie all’utilizzo di un tagliere da incasso, sul quale puoi lavorare. Anche le pratiche ceste in plastica che si usano per asciugare verdure e stoviglie all’interno del lavello torneranno estremamente utili e guadagnerai così spazio.

Il frigorifero è un elemento sempre piuttosto ingombrante. In commercio si trovano anche quelli “mini”, ai quali non manca nulla, neanche il congelatore. Occupano poco spazio e si incassano sotto il piano di lavoro.

Il piano cottura deve essere scelto in formato ridotto: puoi optare per due fuochi o anche per la piastra ad induzione.

Riguardo il forno, invece, puoi valutare gli spazi disponibili posizionandolo sotto al piano lavoro se hai spazio. Se non hai lo spazio necessario dovrai farne a meno sostituendolo con un forno elettrico di piccole dimensioni o con quello a microonde

  1. Sapiente scelta di materiali e colori

Quando la cucina è piccola i colori da privilegiare sono sempre quelli chiari, perché amplificano gli spazi. Puoi optare per il bianco che dona all’ambiente luminosità ed un effetto di maggiore spazialità. Puoi addirittura declinare l’intera cucina nel bianco, mobili, pareti e infissi, creando così un effetto finale di sorprendente ampiezza.

Per il pavimento puoi realizzare motivi geometrici con le piastrelle creando un effetto ottico che dona maggiore profondità alla cucina.

Un’altra soluzione è quella di applicare il parquet o il laminato, sempre in una tonalità molto chiara.

I mobili devono essere realizzati in legno chiaro, preferibilmente in abbinamento con il vetro e l’acciaio che danno leggerezza e luce alla cucina.

Scegli sempre mobili dal piccolo ingombro e che si aprano facilmente, meglio quelli con le ante scorrevoli; inoltre, se possibile, utilizza pensili a giorno perché regalano maggiore ariosità rispetto a quelli chiusi.

Ricorda che ante in vetro, elettrodomestici in acciaio, piastrelle a parete riflettenti, sono tutti elementi che amplificano la luce e la profondità della cucina.

  1. La giusta illuminazione

Lavorare ai fornelli o sul piano di lavoro richiede una buona illuminazione, quindi la luce deve essere chiara e ben diffusa. Opta per lampade a sospensione oppure per appliques da parete, magari giocando sugli effetti cromatici alternativi.

Per un effetto scenografico puoi applicare sui pensili e sulle mensole delle strisce di led regalando un bellissimo effetto ed evidenziando gli oggetti,qualora fossero esposti a vista.

Cucina stretta e lunga: come comportarsi?

Se la tua cucina è un ambiente chiuso, stretto e lungo, puoi spostare l’area da pranzo e cena arredando entrambi gli spazi con mobili contenitori, pensili e mensole.

L’unica accortezza è quella di lasciare almeno 90 centimetri fra un lato e l’altro, sia per poter passare agevolmente sia per aprire senza problemi gli sportelli.

 

 

 

 

 

Hai trovato utile l'articolo? Condividilo con gli amici!

Ti piacciono i nostri articoli? Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità e promozioni

Iscriviti alla newsletter

*
*
*
*