Come riconoscere la qualità del grès porcellanato?

Il grès porcellanato è un materiale di sintesi ottenuto dalla fusione di argille bianche di alta qualità, le quali provengono soprattutto dall’Inghilterra, dalla Turchia o dalla Russia. In particolare, queste argille sono le stesse usate per la produzione della porcellana, da qui deriva l’aggiunta del termine “porcellanato”.

Queste argille vengono cotte a 1200°C. A questa temperatura avviene la greificazione, processo da cui il grès prende il suo nome. Questo è il processo di compattazione delle molecole di argilla quando cuociono a delle elevate temperature. Scopriamo insieme come riconoscere la qualità del grès porcellanato e le caratteristiche peculiari di questo materiale.

Le caratteristiche principali del grès porcellanato

Il grès porcellanato è un materiale dalle caratteristiche eccezionali. Si tratta indubbiamente di una piastrella di qualità, considerato il fatto che viene prodotta con materiali molto pregiati.

Questo materiale viene definito “poliedrico” perché raccoglie in sé tutte le caratteristiche che lo rendono resistente, versatile e bello da vedere.

La resistenza del grès è dovuta alla sua incredibile durezza.

È un materiale che tende a non assorbire i liquidi. Ciò significa che tenderà a macchiarsi di meno. Questa sua impermeabilità lo rende molto resistente al gelo. Proprio per questo motivo è adatto anche per gli esterni.

Una delle caratteristiche principali del grès porcellanato è legata alla sua estetica. Si tratta di una piastrella molto bella ed elegante, sulla quale possono essere realizzate delle finiture diverse.

La possibilità di scelta e di personalizzazione è uno dei motivi che rendono questo materiale molto apprezzato.

Le nuove tecnologie digitali 3D consentono grafiche ad altissima definizione per piastrelle aventi facce diverse l’una dall’altra (fino ad un centinaio per colore), adatte ad un uso sia indoor che outdoor.

Quali fattori tenere in considerazione per valutare la qualità del grès?

Il grès porcellanato, considerate tutte le caratteristiche sopracitate, è già di per sé un’ottima piastrella.

Per valutare la differenza tra i vari tipi di grès porcellanato e capire qual è veramente di qualità, è fondamentale tenere in considerazione i seguenti fattori:

  • la rettifica. È un procedimento che garantisce un alto grado di finitura. Essa viene fatta sui bordi delle piastrelle per squadrarli. Ciò serve sia per dare un aspetto più naturale alla piastrella sia per facilitarne la messa in posa. In questo modo infatti i giunti di fuga saranno minimi.
  • Il calibro. Riguarda la dimensione delle piastrelle. Quest’ultime per quanto possano essere fatte con lo stesso stampo, inevitabilmente presenteranno delle piccole differenze. Quindi, si raggruppano e si classificano in base alle dimensioni quanto più simili possibili. Inizialmente sono state ricercate delle piastrelle in grès porcellanato sempre della stessa misura. Oggi, invece, c’è più ampia possibilità di scelta e si trovano piastrelle di diversi formati.

  • Il tono. È la tonalità che viene scelta per un determinato lotto. Ovviamente, ci saranno delle piccole differenze di sfumature, ma affinché la piastrella sia di qualità è importante che il colore risulti pieno ed uniforme.

I vantaggi del grès porcellanato

La scelta di questo materiale rispetto ad altri risiede nei suoi vantaggi e proprietà che lo rendono valido sia per esterni che per interni. Il grès porcellanato è resistente:

  • agli sbalzi termici e quindi a rotture per forti cambi di temperatura;
  • all’acqua, ai prodotti chimici ed agli agenti atmosferici, in quanto materiale quasi impermeabile;
  • al fuoco e non rilascia sostanze tossiche, in caso di incendio.

Le diverse tipologie di grès porcellanato

Tra i vari requisiti da tenere in considerazione per la scelta di un grès porcellanato di qualità vi sono le diverse tipologie dello stesso grès. Vediamo quali sono.

Grès naturale

Questa tipologia di lavorazione del materiale è conosciuta anche come grès porcellanato tecnico.

L’effetto che si ottiene somiglia molto a quello di una roccia o di una pietra marmorea. Questa tipologia di grès prevede una lavorazione metodica. Il primo passaggio è quello di portare le materie prime a temperature elevatissime, di circa 1200 ºC, per poi raffreddarli in maniera graduale.

Questo processo rende il grès:

  • resistente ad urti e sollecitazioni;
  • resistente alle abrasioni;
  • a lunga durata;
  • impermeabile ( il grado di assorbenza dell’acqua è dello 0,5%).

Questa tipologia di grès porcellanato è quello di più semplice fattura e di qualità mediamente elevata.

Viene utilizzato sia per i rivestimenti nelle abitazioni che all’esterno.

Grès porcellanato smaltato

Si tratta di una tipologia di grès che si posiziona ad un livello qualitativo leggermente superiore a quella precedente.

Presenta una larghissima varietà di colorazioni, di stili, di pattern, così come è possibile trovare in tutti i pezzi prodotti in ceramica smaltata.

È un grès molto resistente e duraturo, con l’aggiunta di un grandissimo valore estetico, che lo rende uno dei materiali più scelti in architettura di interni.

Questa tipologia di grès presenta le seguenti caratteristiche:

  • resistenza agli agenti atmosferici;
  • resistenza alle alte temperature ed al fuoco;
  • in caso di incendio non vengono diffuse, dal grès, sostanze tossiche;
  • resistenza agli urti da sbalzo termico;
  • resistenza ad urti ed alle abrasioni;
  • lucidità e brillantezza;
  • facile manutenzione e pulizia;
  • non si macchia facilmente.

Queste caratteristiche di resistenza sono date anche dalla presenza dello smalto che è funzionale ed estetico.

Non esistono limiti sulla colorazione che si preferisce. Oltre al colore pieno, infatti, le mattonelle in grès porcellanato possono essere personalizzate con decori e disegni.

Hai trovato utile l'articolo? Condividilo con gli amici!