Progettare un nuovo bagno. Le misure corrette e le accortezze da tenere a mente

Riuscire a ottimizzare gli spazi in fase di progettazione del bagno è essenziale per muoversi al meglio in un ambiente che rappresenta il punto di riferimento h24 di una casa. Quando si pensa alla progettazione di un nuovo bagno diventa essenziale fare mente locale su certi aspetti, che riguardano in primis la luce, gli accessori e – appunto – le misure.

Quali valutazioni fare prima di progettare un nuovo bagno

Molto spesso per movimentare o stravolgere lo stile del bagno è sufficiente procedere con la sostituzione delle piastrelle che lo rivestono, cambiandone il colore. Il bianco è adatto ad ambienti di dimensioni ridotte, poiché agisce sulla percezione dei volumi amplificandoli. Un tocco elegante potrà essere dato dall’aggiunta di dettagli di colore nero o nelle tonalità del blu.

Se per il vostro progetto bagno avete in mente di rivoluzionare la pavimentazione, oltre alle classiche mattonelle lucide, potreste valutare di usare parquet (di un tipo resistente all’umidità) oppure microcemento (facile da pulire, si può sovrapporre al vecchio pavimento risparmiando).

Per quanto riguarda le finestre, in generale la legge prevede che in ogni locale di una casa debba essere presente una fonte d’illuminazione naturale in via diretta. I bagni fanno eccezione e, nel loro caso, è espressamente previsto che debba essere garantito il ricambio dell’aria da un’apertura verso l’esterno o comunque da un meccanismo di aspirazione. E’ sempre la normativa a indicare pure quali elementi siano indispensabili nella composizione di un bagno: lavabo, bidet, vasca/doccia, vaso.

Arredo bagno e spazi: le regole per ottimizzare tutto

Per riuscire a sfruttare ogni angolo della stanza e utilizzare correttamente i vari accessori, è essenziale rispettare le corrette misure bagno.

Per esempio, occorrono almeno 60 centimetri di spazio davanti al lavabo: ne serviranno circa 30 per la persona che lo usa e gli altri 30 per chi avesse necessità di passare nello stesso momento. Mentre invece nel caso della vasca di centimetri per passarle di fianco se ne dovranno lasciare almeno 50.

Quando nell’ambito della ristrutturazione bagno sceglierete i sanitari, deciderete anche la loro posizione e nel caso fosse frontale ricordate che anche qui occorre lasciare uno spazio di mezzo metro tra di loro. Tra vaso e bidet affiancati bastano sui 20-25 centimetri, mentre tra wc e lavabo ne occorreranno circa 70 (in tal caso, la misurazione è dall’interasse).

Nell’arredo bagno prende sempre più piede la tendenza a inserire il doppio lavabo, pratico ed elegante: per poterlo aggiungere correttamente nel progetto occorre però uno spazio libero di almeno un metro e 20 centimetri. Per la scelta dei sanitari ci sono due opzioni: quelli sospesi oppure quelli a terra. I primi sono spesso preferiti poiché donano uno stile minimal e assicurano una corretta pulizia (sono perfetti anche per bagni di dimensioni contenute).

I diversi accessori che si vorranno inserire nella stanza dialogheranno con i colori scelti per le piastrelle e il pavimento. Per quanto riguarda infine i diktat dell’illuminotecnica, i faretti orientabili saranno una scelta ideale per mettere in luce angoli e mobili contenitori. In merito invece alla tipologia di atmosfera da donare all’ambiente, in bagno sarà da preferire una tonalità di luce calda (quella fredda potrebbe risultare troppo artificiale).

 

Hai trovato utile l'articolo? Condividilo con gli amici!

Ti piacciono i nostri articoli? Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità e promozioni

Iscriviti alla newsletter

*
*
*
*